Ape

apeQuanti di voi cuccioli hanno paura delle api, come Bonton? In realtà non dovreste.
Le api non pungono a meno che non si sentano minacciate.
Per loro pungere un essere umano, un cane o un altro mammifero, significa morire, perché il pungiglione rimane conficcato nella pelle e si stacca dal corpo dell’insetto, lacerandolo e uccidendolo.
Non pensate che quindi pungano con tanta facilità.

Le api sono amiche dell’uomo fin dall’età della pietra.
Abbiamo ritrovamenti che accertano che, già allora, l’uomo avesse sviluppato forme di apicultura.
Per questo il mito racconta che Zeus, nascosto in una grotta per sfuggire all’ira del padre, venne allattato da una capra e nutrito dal miele delle api del luogo.

Le api sono tra i più importanti insetti pronubi… cioè che impollinano i fiori.
Passando da un fiore all’altro, per raccogliere il miele, fecondano molti fiori e piante.
Si dice che questi insetti siano tanto importanti, nel ciclo della natura, che, se scomparissero da un giorno all’altro, il mondo finirebbe nel giro di quattro anni.

Il miele, prodotto dalle api, per nutrire l’alveare, è un dolcificante puro e salutare che viene bruciato (utilizzato) subito dal nostro organismo, dandoci immediata energia e senza farci ingrassare!
Aiuta a ripulire il fegato, non va praticamente mai a male e aiuta a combattere molti germi e il mal di gola… ma, soprattutto, è molto buono.
Ogni miele ha però un sapore diverso, a seconda dei tipi di fiori dai quali è stato estratto il polline.
Quello di castagno, per esempio, è molto amaro e non piace a tutti.

Mamma Strimpella ama molto le api perché sono tra gli insetti più sensibili alla musica.
Infatti le api per comunicare tra di loro le rotte da seguire per trovare il polline, sapete come fanno? Ballano!
Si scatenano in un’affascinante danza che riporta tantissimi segnali.
Come se chiedeste a un amico come arrivare alla gelateria preferita e lui ve lo indicasse ballando.
Non sono portentose?

Comunque non sottovalutate la loro puntura.
Se, spaventate, decidessero di pungervi per proteggere l’alveare, fatevi subito togliere da un adulto il pungiglione rimasto nella pelle e poi bagnatevi con acqua fredda.
Se aveste problemi di allergia, fatevi portare subito in ospedale.
Se le rispetterete però non avrete niente da temere.
Ammiratene l’eleganza e gustatevi il miele, che fa tanto bene!

Condividi: