Gelato fatto in Casa

Ciao, Cuccioli, come state?
Avete letto la storia che racconta del fondatore della nostra città?
Quella della parata?
Bene…
Avete scoperto quindi, che il piatto ufficiale di Baulandia non è altro che il gelato!
Che bontà, vero?
stick Scommetto che tutti voi amate il gelato, ma che pochi di voi ne avranno provato uno fatto in casa.
Io lo faccio spesso a Baguette e Bonton, specialmente quando arriva il caldo.

Ci sono tanti modi per fare un gelato e, a dire il vero tanti gelati di tipo diverso.
Molti sono convinti che per fare il gelato serva, per forza, una gelatiera… ma non è vero!
Il gelato è stato inventato tra il 1400 e il 1500 e allora non avevano certo delle gelatiere elettriche!
Ovviamente fatevi aiutare e consigliare dai vostri genitori, ma non preoccupatevi, non sarà per nulla difficile.

Vediamo come si fa…

Primo gelato: IL GHIACCIOLO!
Beh, è vero… il ghiacciolo non è propriamente in gelato, ma cominciamo dalle cose più semplici.
Prendete un bicchiere di carta da caffè, uno stecco di legno… anche di plastica… per esempio: quelli che servono a girare i caffè delle macchinette.
Se non ne avete in casa, sicuramente i vostri genitori potranno portarvene qualcuno dall’ufficio… e una pellicola da cucina o d’alluminio.

Poi, cosa vi piace? Il succo d’arancia?
Bene, prendete del succo d’arancia, riempite il bicchiere fino a due centimetri dall’orlo… non di più, mi raccomando!… i liquidi crescono ghiacciandosi e se lo riempite troppo il bicchiere strariperà e sporcherà freezer!
ghiacciolo
Dopo aver riempito il bicchiere, avvolgetelo in due o tre giri di pellicola, in maniera che la sommità sia coperta in maniera uniforme da due o tre strati belli tesi.
Fatevi aiutare dalla mamma a fare un buco nel centro della pellicola, di modo che possiate infilare “lo stecco” in verticale nel bicchiere così che la pellicola lo tenga e non lo faccia cadere.

Mettete il bicchiere in freezer e dopo qualche ora potrete tirare fuori il vostro ghiacciolo, pronto da liberare e gustare!

Ovviamente potete realizzarlo con tutti i gusti che preferite.
Secondo gelato: LA GRANITA!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Se non volete mangiare con lo stecco il vostro “succo ghiacciato”, potete mettere il vostro gusto preferito di bevanda (non gassata) in una forma per fare i cubetti di ghiaccio.

Lo farete poi ghiacciare in freezer e quindi, con l’aiuto dei vostri genitori, potete tritare i cubetti.

Come?
Facile, prendete della pellicola da cucina e avvolgete i cubetti di ghiaccio, poi, con uno straccio pulito, avvolgete la pellicola e sbriciolate il ghiaccio con un batticarne.
Attenti a non tritarlo troppo o si sgioglierà.
Mettete ancora pochi minuti il trito del ghiaccio in freezer.

Dopodiché, servitelo in una coppetta e gustatevelo!

variante: LA GRATTACHECCA!

Tipica di Roma, la Grattachecca è ghiaccio tritato, puro, fatto da acqua potabile.
Lo tritate come per la granita e poi, dopo averlo messo nella coppetta lo cospargete del vostro succo di frutta o del vostro sciroppo preferiti et voilà!
Molto dissetante e rinfrescante, oltre che gustoso.

Terzo gelato: … IL GELATO!

Ed ecco qui il modo per fare il gelato senza gelatiera.

Ecco gli ingredienti:

4 uova
1 litro di panna
200 g di zucchero
sale

Innanzitutto dividete i tuorli (il rosso) dagli albumi (il bianco)
Montate a neve gli albumi, con l’aiuto della mamma o del papà, con un pizzico di sale.

Aggiungete lo zucchero ai tuorli e mescolate fino a farli diventare un composto cremoso; a questo punto bisognerà aggiungere la panna, montata precedentemente, alla crema di tuorli e zucchero, cercando di mescolare dal basso verso l’alto senza far smoIce_Creamntare il tutto.

Per realizzare il gelato senza gelatiera si deve mettere la crema in un contenitore freddo e riporla in freezer per qualche ora, ricordandovi di rigirare il composto di tanto in tanto, circa ogni 45 minuti, in modo da farlo rimanere cremoso, come quello artigianale della gelateria.

A questo punto il gelato è pronto da gustare!

A questa ricetta di base, della crema, si potrete aggiungere altri ingredienti a vostro piacimento, come ad esempio le scaglie di cioccolato, la crema spalmabile alla nocciola, la frutta a guscio tritata o ancora la frutta.
Vedrete che meraviglia!

La Coppa Bau!
Sono certa però che siete curiosi di sapere come sia fatta la Coppa Bau, importata nella nostra isola da OrecchieBasse NasoAlto.
Beh, è molto semplice:

Fior Di latte
Nocciola
Salsa al caramello.

Provatela, e poi mi direte!

Alla prossima, cuccioli, e buon appetito!

Condividi: