Il Tartufo

tartufoIl naso del cane si chiama Tartufo.
O, meglio: la punta del naso.
La grossa palla nera che mette in risalto le narici canine.
Perché il “naso” propriamente detto, comprende anche tutta la parte del muso, fino agli occhi, come nell’uomo.

Il tartufo si chiama così perché ricorda una patata nera.
Come il tartufo che si mangia.
Ma non in tutti i cani la punta del naso è nera… in molti è marrone, in alcuni è rosa.
Anche la punta del naso dei cani, come quella del nostro, si scurisce se sta al sole.

Perché il tartufo è umido?
Molti dicono che il cane suda dal naso… ma non è vero.
Il cane ha spesso il naso più bagnato quando fa caldo perché per resistere al calore ansima molto e il fiato evaporando inumidisce maggiormente il tartufo.
Il tartufo, di suo, è sempre umido perché l’umidità aiuta a concentrare e trattenere gli odori.

L’olfatto, per i cani è il senso principale.
Come per noi la vista e l’udito messi assieme.
Infatti, noi vediamo una persona e la sentiamo parlare e ci rendiamo conto se è giovane o vecchia, se è maschio o femmina, se è simpatica o no.
Un cane fa le stesse considerazioni sui suoi simili grazie al naso.
Pensiamo solo che: l’uomo ha 5 milioni di ghiandole olfattive… il cane ne ha 220 milioni!
In più, il naso del cane possiede alcune parti che l’uomo non ha, tipo la sporgenza sub-etmoidale e l’organo vomero-nasale.

Il modo migliore per farsi “capire” da un cane è infatti quello di farsi annusare.
Tenete la mano aperta sotto il suo muso per farvi annusare e lui apprezzerà.
Fate solo attenzione a muoverla lentamente e dal basso, per evitare che sembri che vogliate colpirlo.

Condividi: