La Piramide Alimentare

BAU, CUCCIOLI!
In questi giorni i miei nipotini stanno visitando le rovine di alcune piramidi, al largo delle coste di Baulandia… e in famiglia abbiamo cominciato a giocare tutti a trovare in quanti modi il concetto di piramide si ritrovi nella nostra vita quotidiana.

La forma piramidale è, infatti, uno strumento attraverso il quale tantissimi ragionamenti e valori ci vengono proposti.
Un modo che ci permette di rendere certe nozioni accessibili al grande pubblico, insomma.

Dal mio punto di vista, per esempio, essendo una cuoca, ho passato molto tempo a studiare i concetti della PIRAMIDE ALIMENTARE.

Ma di cosa sto parlando?plakat_ernahrungspyramide_7stufen_ohne_rand_cutted
Mi riferisco a un concetto di alimentazione proposto sotto forma di disegno di una piramide da un organismo qualificato in materia di salute.
In tale immagine vengono indicati tutti gli alimenti che abitualmente consumiamo.

Partendo dalla base troviamo gli alimenti che dovrebbero essere consumati più frequentemente, mentre man mano che si sale verso il vertice troviamo gli alimenti che sarebbe meglio venissero consumati con moderazione, fino ad arrivare alla punta della piramide dove troviamo quei cibi che si dovrebbero consumare solo occasionalmente.

Come per le piramidi egize, le cui fondamenta solide sono state in grado di mantenere l’edificio nei millenni, così anche la piramide alimentare mostra quali sono gli alimenti più importanti per mantenere a lungo un buono stato di salute.
La parte inferiore della piramide mostra l’importanza dell’assunzione dei liquidi.
Subito sopra abbiamo il gruppo della frutta e della verdura, alimenti che essendo molto ricchi di acqua, fibra, vitamina A e C, sali minerali costituiscono le fondamenta per il nostro benessere.
Se ne dovrebbero consumare numerose quantità ogni giorno.
Nei riquadri successivi troviamo i cereali come pane, pasta, riso e patate che sono alimenti ricchi di carboidrati, proteine e fibra.
Il gruppo successivo ci fa notare che, per condire e cuocere gli alimenti, si dovrebbero usare sempre olii vegetali, in particolare l’olio di oliva extravergine a crudo, per avere un buon apporto di calorie e di vitamina E.
E, per avere un’alimentazione completa e corretta, ogni giorno, non dovrebbero mancare 2 porzioni di latte o yogurt che forniscono il calcio necessario al nostro corpo.
Subito sopra troviamo gli alimenti ricchi di proteine come carne, pesce, legumi, formaggi e uova.
La carne fornisce il ferro e vitamine del gruppo B, il pesce fornisce acidi grassi essenziali, i legumi forniscono carboidrati, fibra e calcio. I formaggi contengono calcio, le uova e gli insaccati sono ricchi di grassi animali… ma questi alimenti contengono anche i grassi saturi quindi il loro consumo deve essere limitato, soprattutto per ciò che riguarda gli insaccati!
I riquadri alla cima della piramide contengono dolci, snack, patatine e bevande zuccherate… che sono alimenti che dovrebbero essere consumati occasionalmente e con moderazione e panna, burro, zucchero e sale di cui non è bene abusare.
È inutile e dannoso, per esempio, zuccherare latte e spremute che sono già dolci per natura, come pure aggiungere sale su alimenti come i formaggi.
Nel corso degli anni le piramidi alimentari si sono evolute e oggi ne troviamo anche di quelle che tengono conto di vari problemi di alimentazione, come celiachia o diverse allergie.
Oppure ce ne sono che seguono delle regole specifiche per diverse scelte di vita, come per i vegetariani o i vegani.
È importante però ricordare che la piramide alimentare è solamente un consiglio di massima e che, in qualunque caso, solo un medico specializzato può presentarvi un preciso regime dietetico da seguire.
Il resto, cuccioli, lo fa il buon senso!
A presto, con il resto della famiglia e con altre piramidi!

Condividi: