La Piramide dell’Attivitá Fisica

Bau, cuccioli!
Tutta la famiglia è impegnata nel dimostrare come gli “schemi a piramide” siano rintracciabili in tutti gli argomenti.
Mi hanno sfidato a trovare una “piramide” anche nello sport, che non fossero le piramidi umane realizzate come esercizio fisico o di abilità circense… (avete presente, no? Quelle piramidi dove più persone formano la base, tenendosi spalla a spalla e poi altre persone salgono loro sulla schiena e così via? Come nelle immagini…)

 

Ecco… facendo un po’ di ricerche ho scoperto che in Italia, la Società Italiana di Pediatria, nel 2013 ha definito una PIRAMIDE DELL’ATTIVITÀ FISICA.

Uno schema grazie al quale sia subito chiaro, a colpo d’occhio, quali siano le attività più importanti da compiere – e quali da limitare – per godere di una buona salute.

© Società Italiana di Pediatria

Soprattuto quando siamo cuccioli.

Perché i cuccioli in fase di crescita hanno più bisogno di esercizio fisico rispetto ai loro genitori e nonni.

Sulla base della piramide del movimento troviamo attività che dovrebbero essere praticate anche più volte al giorno, mentre a mano a mano che si sale nella piramide ci sono le attività di cui ci si può occupare qualche volta a settimana, fino ad arrivare alla punta della piramide dove troviamo occupazioni alle quali si dovrebbe dedicare poco tempo.

L’immagine è eloquente.

Ovviamente, per potersi mantenere in buona salute, è anche necessario tenere sotto controllo la propria alimentazione.
Per questo vi rimando alla “Piramide Alimentare” di cui si è occupata Nonna Bruschetta.

A presto cuccioli!
E, mi raccomando, tenetevi in forma!

Condividi: