Le Parate dei Carri

parataLe parate dei carri sono una tradizione che si perde nel tempo.
Anche se sarebbe più corretto dire che “le parate” son una tradizione molto antica… per i carri si è dovuto aspettare un po’.
Ci sono quattro tipi di “sfilate” che possono percorrere una città.
Le parate, i trionfi, i cortei e le manifestazioni.
Hanno, tutt’è quattro, la medesima origine.
Una persona o un gruppo camminano per le strade di una città, con il chiaro intento di farsi vedere, per farsi ammirare, per farsi conoscere o per protestare.
Dai motivi più tristi a quelli più giocosi, ogni epoca della storia ha visto la gente “scendere in piazza” per i motivi più disparati.
Anticamente, i re marciavano alla testa del loro esercito all’uscita delle città per mostrare la loro forza, strabiliare i sudditi e incutere timore nei nemici.
Un esercito trionfante entrava anche nelle città conquistate, spesso in parata, per far conoscere il nuovo potere alla guida di un Paese.
I cortei che però hanno segnato di più il mondo occidentale sono, sicuramente, i trionfi dei generali romani.
Il primo si dice l’avesse addirittura celebrato Romolo, percorrendo la via sacra della da poco fondata città di Roma, dopo avere sconfitto un re nemico.
Camminò per tutta la città per deporre il bottino, catturato ai nemici, sul colle Campidoglio.
Romolo celebrò tante vittorie camminando per la città, ma fu Tarquinio Prisco, si racconta, il primo a percorrere Roma, autocelebrandosi, su di un cocchio dorato (un carro antico).
Da allora la Città Eterna venne percorsa innumerevoli volta da trionfanti sfilate di carri che portavano, in bella mostra per gli abitanti, i tesori dei popoli sconfitti, i prigionieri (spesso graziati dal Generale, pubblicamente, proprio per far più grande la festa), le legioni vincitrici e, in ultimo, il Comandante acclamato delle campagne di guerra.
Più di mille anni di tale tradizione si impressero nella mente delle persone e ancora oggi è tradizione festeggiare un grande evento sfilando con dei carri per le strade.

Sicuramente una delle sfilate di carri più famosa del mondo è quella che si svolge a Viareggio durante il Carnevale.
Si racconta che nacque come protesta per le tasse e che quindi per tale motivo si sia poi sviluppata nella tradizione di costruire enormi carri allegorici che prendessero in giro soprattutto l’attualità del paese.

Cos’è un carro allegorico?
Un carro che rappresenta un concetto. “Allegoria” è, infatti, la parola che significa “rappresentare un concetto attraverso un’immagine”.
Per fare ciò, i carri vengono allestiti con gigantesche figure fatte di carta pesta, e quindi molto leggere, che ripropongono, per esempio, caricature di politici o di personaggi del mondo dello spettacolo che durante l’anno han fatto parlare di sé.

Non tutte le sfilate allegoriche però vengono tenute a Carnevale.
Un’altra sfilata molto famosa è quella che si svolge il 17 di marzo, il giorno di San Patrizio, a New York, in onore del santo patrono d’Irlanda.
È una parata durante la quale tutti vestono di verde, che è il colore ufficiale della nazione irlandese.

Condividi: