Piramide Ecologica

Bau, cuccioli! Avete visto che interessante la storia delle piramidi trovate al largo delle nostre coste?

Come Nonna Bruschetta vi ha anticipato in qesto articolo qui, questo ritrovamento ci ha portato a considerare quanto la forma piramidale sia comunemente usata per definire un sacco di concetti e ognuno di noi, in famiglia, ha voluto scrivere un articolo in merito.

Ecco il mio, sulla PIRAMIDE ECOLOGICA!

Prima di spiegarvi cosa sia una piramide ecologica, credo sia fondamentale specificare ben a cosa si riferiscano alcuni termini abitualmente utilizzati quando si parla di natura.

L’ECOLOGIA (ECO, dal greco: οἶκος, oikos, “casa” o anche “ambiente” e LOGIA da: λόγος, logos, “discorso”)

è lo studio degli ambienti e dei rapporti con gli organismi che vivono in essi.

L’ECOSISTEMA (sempre composto a ECO, che deriva da oikos, come in Ecologia, e dalla parola italiana “sistema”) è l’insieme degli organismi (vegetali o animali) e del territorio in cui vivono (terra, acqua, aria, in rapporto anche a luce e temperatura).

Il bosco è un ambiente tra i più complessi. In esso tutto è in continuo movimento: esseri viventi (piante, insetti e animali) nascono, crescono e muoiono per decomporsi e tornare a far parte del ciclo della vita.

Il bosco è un tipico esempio di rete alimentare composta da:

VEGETALI che sono i produttori perché non si nutrono di altri esseri viventi, ma producono il loro nutrimento in maniera autonoma, all’interno della foglia, utilizzando l’acqua, i sali minerali, l’anidride carbonica e, importantissima, la luce del Sole.

ANIMALI che si nutrono di piante (ERBIVORI), quelli che mangiano altri animali (CARNIVORI) o quelli che mangiano sia piante che carne (ONNIVORI)

DECOMPOSITORI (BATTERI-FUNGHI-INSETTI) che consentono ai vegetali di trovare sostanze nutritive nel terreno.

Eccoli rappresentati nella piramide alimentare:

©immagine degli aventi diritto

Le piante (produttori) sono poste alla base. Nello strato superiore ci sono gli erbivori (consumatori primari),

poi i carnivori (consumatori secondari). Al vertice della piramide si trovano i superpredatori.

La catena alimentare.

Gli esseri viventi sono collegati tra loro e dipendono gli uni dagli altri come gli anelli di una catena e per il

loro studio è quindi molto importante sapere “chi mangia chi e che cosa”.

Questa catena viene chiamata “catena alimentare”.

Ecco alcuni esempi:

©immagine degli aventi diritto

©immagine degli aventi diritto

 

©immagine degli aventi diritto

La rete alimentare

Il concetto di rete alimentare è però molto più preciso di quello di catena alimentare perché in genere i rapporti tra le specie sono più complessi di una semplice catena lineare.

Ecco alcune rappresentazioni di rete alimentare.

Le frecce indicano “chi mangia chi (o cosa)”

©immagine degli aventi diritto

A presto con altre piramidi, Cuccioli!

 

“Le immagni usate per quetso articolo, a pure scopo informativo, sono state trovate su internet. Se i detentori del diritto d’autore avessero dei problemi con l’utilizzo che ne è stato fatto, rimaniamo a disposizione per ogni comunicazione e pronti a toglierle dal suddetto articolo.”
Condividi: