Un Abete per Amico

Non tradireste mai un amico… allora ridate vita a colui che vi ha tenuto compagnia durante le feste più belle dell’anno!

Albero di nataleBuongiorno, Cuccioli, avete passato bene le vacanze natalizie?
Magari con un bell’albero che ha allietato i soggiorni di casa vostra?
Vero o artificiale?

Usare un albero vero, invece di uno artificiale è sicuramente più bello, ma è un peccato “uccidere” una pianta per addobbare casa.
Non è necessario tagliare un albero però.
È possibile prenderne uno in un vivaio, col suo vaso, festeggiando anche la vitalità e la bellezza di una pianta viva.

Ma dopo Natale?
Chi è tra i fortunati possessori di un giardino, di un terrazzo o di un balcone abbastanza grande, può tenere l’albero o trapiantarlo all’esterno, altrimenti potete donarlo ai centri di raccolta indicati dai vivaisti o dai Comuni che provvederanno al recupero della pianta.

Molti alberi potranno essere così trapiantati in luoghi idonei al loro inserimento e contribuire, in alcuni casi, al rimboschimento dei nostri paesi!

Anche a Baulandia per addobbare gli “Alberi di Natale” di solito vengono utilizzate piante artificiali che assomigliano ai pini o agli abeti… oppure veri alberi, acquistati nel vivaio di Nonna Ghirlanda.

I pini e gli abeti appartengono alla classe botanica delle conifere che comprende oltre 600 specie, diffuse principalmente nei paesi nordici ma presenti, anche se meno comunemente, nelle zone tropicali.
Alcune specie preferiscono zone calde, come ad esempio il pino marittimo, altre, invece, climi più freddi, come ad esempio il pino mugo e gli abeti.
Tutte le specie di conifere hanno radici che possono svilupparsi anche su dirupi rocciosi e che mal sopportano terreni troppo umidi.

Che differenze c’è però tra un pino ed un abete?

Principalmente nella forma e nella disposizione degli aghi sui rami.
Nell’abete gli aghi sono disposti singolarmente sui rami e sono molto corti, mentre quelli del pino sono raccolti a ciuffi e lunghi una decina di centimetri.
aghi
Il pino è un albero che può raggiungere anche i 30 metri e di altezza ed avere un diametro di quasi i 2 metri.
In Italia ne sono presenti numerose specie tra cui il pino silvestre e il pino mugo nelle zone alpine; il pino domestico e il pino marittimo nella zona mediterranea.
La caratteristica di quest’ultimo è la sua chioma ad ombrello, formata da rami che si concentrano nella parte alta del tronco terminando con le punte rivolte verso l’alto.

Sono i cosiddette sempreverdi, poiché mantengono le foglie per tutto l’anno, anche durante i mesi invernali.
Questo non significa che non sostituiscano mai le loro foglie. In primavera infatti si possono notare sui rami i nuovi “aghetti”, di un verde brillante… semplicemente le rinnovano perdendo le vecchie solo quando sono arrivate le nuove.
pini
L’utilizzo principale del pino, sin dall’antichità, consiste nella produzione di pinoli (i semi di alcune specie), mentre la legna che si ricava viene utilizzata per la produzione di mobili.

L’abete è un albero sempreverde diffuso nelle foreste e in montagna sulle zone alpine e nel resto d’Europa. Vi sono diverse specie di abete, tra cui le più diffuse sono l’abete bianco e l’abete rosso. La chioma ha la tipica forma a cono con la punta a “nido di cicogna”. Può raggiungere altezze di 40-50 metri.
abeti
Gli aghi sono lunghi e appiattiti, la parte superiore è verde scuro lucido, quella inferiore bianco azzurrino. Il legname che si ricava dagli abeti viene utilizzato in falegnameria e nell’industria cartaria. Dalla resina invece si ricava la trementina impiegata nell’industria di vernici e in cosmetica.

Ufficialmente l’abete è l’Albero di Natale per eccellenza, ma alle volte vengono anche utilizzati i pini.
L’importante è divertirsi ad addobbarlo, con i propri genitori, sorelle, fratelli e nonni e amici!

Buon anno nuovo, cuccioli, e rispettate la natura!

Condividi: